sabato 4 gennaio 2014

KANDINSKY_pensieri sparsi

Ieri sono andata alla mostra di Kandinsky a Palazzo Reale di Milano.


Mi è piaciuta molto e in particolare ci ho trovato un quadro che ha accompagnato parte dei miei studi universitari: "Accento sul rosa", la copertina dell'edizione che ho letto de "Lo spirituale nell'arte" nell'agosto del 1993, durante una vacanza negli Stati Uniti. 
L'ho ripreso in mano e oltre ad averci trovato il biglietto della mostra del 1993 a Verona, ho trovato molto affascinate rileggere alcune considerazioni sull'uso del colore, parte fondamentale dei quadri di Kandinsky.

"...il colore è un mezzo per influenzare direttamente l'anima. Il colore è il tasto. L'occhio è il martelletto. L'anima è un pianoforte con molte corde.
L'artista è la mano che, toccando questo o quel tasto, fa vibrare l'anima.
E' chiaro che l'armonia dei colori è fondata solo su un principio: l'efficace contatto con l'anima.
Questo fondamento si può definire principio della necessità interiore."





Nessun commento:

Posta un commento